Mercoledì, 21. Novembre 2018
Italian Chinese (Simplified) English French German Portuguese Spanish

Area riservata soci



Banner
Banner

Sondaggio

Siete favorevoli all'apertura al pubblico della Grotta dei Cervi?
 
Raduno Internazionale di Speleologia (dal 1 al 4 Novembre) PDF Stampa E-mail
Scritto da Amministrazione   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’incontro di Spelaion 2012 è un momento di riflessione sullo stato dell’arte della ricerca speleologica in Italia. È un’occasione di confronto per capire le modalità di aggregazione, le tecniche di ricerca, l’acquisizione di documentazione e la restituzione di dati di chi, oggi, conduce esplorazioni carsiche complesse. Gli ultimi anni e gli ultimi tempi sono stati caratterizzati da risultati eclatanti. Giunzioni, nuovi ingressi, nuove tessere nel mosaico di complessi carsici, sifoni superati. Gli attori sono diversissimi, per provenienza, modalità di aggregazione, metodo di ricerca. Ci sono i progetti mirati a un’area, nuove realtà trasversali nate intorno a esplorazioni, federazioni che operano da gruppo, formazioni estemporanee che colgono l’attimo. Tutto questo è diversità, è ricchezza. Aldilà di egide, sigle e gagliardetti la Società Speleologica Italiana chiede e propone una fotografia di quanto sta accadendo, oggi, nella speleologia italiana. Chiede il confronto sui temi che la Società da anni fa propri. La corretta interazione con il paesaggio anche sociale, il rispetto delle normative esistenti, la capacità di riportare dati, immagini, informazioni. Non è una rassegna antologica, non è l’atlante del carsismo italiano, è un narrarsi aperto, sincero, senza preclusioni su possibilità e anche criticità nella ricerca, intesa come percorso dall’intenzione al reportage. È un punto di partenza, perché come si diceva in un nostro fortunato slogan di quasi dieci anni fa “È ancora tempo di nuovi viaggiatori”.

 

 

 

Tu ci vieni sulla "montagna del sole"? Dove si trova? In Puglia. Ma cosa ci andiamo a fare in Puglia? Andiamo a vedere cosa succederà durante “... LA FINE DEL MONDO”.

Nello splendido scenario del Gargano ed in collaborazione con l’Ente Parco Nazionale del Gargano, il Gruppo Speleologico Montenero vi invita a vivere l’incontro internazionale di speleologia.
La molteplicità delle forme carsiche, la varietà degli ambienti e del paesaggio nonché il grande patrimonio di biodiversità sono una formidabile cornice a vivere queste 4 giornate di speleologia in un territorio unico, quasi fosse l’inizio di un nuovo mondo… il GARGANO.

Durante i convegni verranno affrontati temi come:

  1. Ieri, oggi, domani: l’evoluzione della speleologia nelle aree Parco.
  2. La speleologia e la speleogenesi nel quadro del ciclo generale del carbonio.
  3. La biospeleologia: tecniche integrate di conoscenza del territorio sotterraneo.
  4. Il monitoraggio delle cavità sotterranee: prospettive e risorse.
  5. Tavola rotonda: ponte speleologico Italia Balcani, interscambio di idee provenienti dal sottosuolo.

Durante il giorno …

Circa 30 itinerari speleologici e turistici per conoscere la montagna del sole.

Percorsi per famiglie, esperienze da brivido come il volo sul tavoliere con deltaplano, o la gita nei luoghi più sperduti della foresta Umbra con fuoristrada. Birdwatching in canoa nella laguna, visite alle grotte marine, conventi e santuari, San Pio, trekking nel Parco Nazionale del Gargano, e tante grotte per tutti i gusti.

3 sale proiezioni, sala convegni, stands materiali, sala mostra, esposizione gruppi.

La notte…

In uno spazio di 2500 mq la festa più bella del mondo prenderà vita nella splendida location della jurassic park del Gargano.

Dove: Borgo Celano frazione di San Marco in Lamis

Quando: dal 1° al 4 novembre 2012

vi aspettiamo per vivere assieme “... LA FINE DEL MONDO”.

 

PROGRAMMA MANIFESTAZIONE


Giornata pugliese di studi sul carsismo e la speleologia "Spelaion 2012" 4 novembre 2012

Dal primo al 4 novembre, a San Marco in Lamis, ci sarà il raduno annuale nazionale e internazionale di speleologia della SSI, che si fonde con il tradizionale raduno annuale pugliese "Spelaion" prendendone in prestito, per quest'occasione, il nome: "Spelaion 2012 - La fine del mondo"

Nel nutrito programma di attività, che comprende presentazioni ed escursioni, oltre ai consueti stand commerciali e gastronomici, trova posto anche una "giornata di studi" a disposizione dei Gruppi, degli studiosi e degli speleologi per la presentazione di studi e relazioni.

Questo evento è collocato nella giornata di domenica 4 novembre, con una sessione mattutina (9-13) e una pomeridiana (14,30 - 16,30).

SSI propone un confronto durante Spelaion 2012

“I nuovi esploratori. La ricerca speleologica oggi in Italia”

L’incontro di Spelaion 2012 è un momento di riflessione sullo stato dell’arte della ricerca speleologica in Italia. E’ un’occasione di confronto per capire le modalità di aggregazione, le tecniche di ricerca, l’acquisizione di documentazione e la restituzione di dati di chi, oggi, conduce esplorazioni carsiche complesse. Gli ultimi anni e gli ultimi tempi sono stati caratterizzati da risultati eclatanti. Giunzioni, nuovi ingressi, nuove tessere nel mosaico di complessi carsici, sifoni superati. Gli attori sono diversissimi, per provenienza, modalità di aggregazione, metodo di ricerca. Ci sono i progetti mirati a un’area, nuove realtà trasversali nate intorno a esplorazioni, federazioni che operano da gruppo, formazioni estemporanee che colgono l’attimo. Tutto questo è diversità, è ricchezza. Aldilà di egide, sigle e gagliardetti la Società Speleologica Italiana chiede e propone una fotografia di quanto sta accadendo, oggi, nella speleologia italiana. Chiede il confronto sui temi che la Società da anni fa propri. La corretta interazione con il paesaggio anche sociale, il rispetto delle normative esistenti, la capacità di riportare dati, immagini, informazioni.

Ci sarà un Convegno, ci saranno spazi e tempi dedicati. Non è una rassegna antologica, non è l’atlante del carsismo italiano, è un narrarsi aperto, sincero, senza preclusioni su possibilità e anche criticità nella ricerca, intesa come percorso dall’intenzione al reportage. E’ un punto di partenza, perché come si diceva in un nostro fortunato slogan di quasi dieci anni fa “E’ancora tempo di nuovi viaggiatori”.

Nell’augurare uno splendido risultato a Spelaion 2012, colgo l’occasione per invitarvi a partecipare all’appuntamento. In una comunità di intenti, quale è la speleologia italiana, l’incontrarsi ha sempre estremo valore.

Giampietro Marchesi , presidente della Società Speleologica Italiana

Il Comitato Organizzatore di “Spelaion 2012 … la fine del mondo”

Team "La Venta" a Spelaion 2012

Il team "La Venta" sarà presente allo Spelaion 2012 con il seguente programma:

  • relazione di Natalino Russo e Francesco Sauro sul progetto in Chiapas e presentazione del libro CRLV;
  • esperienza di Gianni Todini e Paolo Forconi nelle esplorazioni all'interno della selva El Ocote-Chiapas;
  • intervento descrittivo del Direttore della riserva El Ocote, Escalante, sulla riserva e l'importanza delle ricerche speleo, rivolto al pubblico in sala insieme a video, foto e presentazioni varie;
  • incontro del Direttore Escalante con Stefano Pecorella Presidente del Parco Nazionale del Gargano sulle esperienze tecniche e gestionali rispetto ad aree carsiche protette.

Tutte le info nel programma ancora in allestimento.